Passa ai contenuti principali

UN PO' DI LUCE

UN PO' DI LUCE
Mattinata insolita, quasi un anticipo di primavera. Gente con il sorriso sulla faccia. Eccitati, vestiti leggeri. Bambini in corsa. Come siamo fragili, però: affamati di speranza, ci basta il surrogato di un'illusione. È una stagione anomala, entrata regolarmente dopo un autunno mite, e il suo freddo non punge. Non c'è mai quella foschia che spegne tutto, non c'è quel gelo che ondeggia e stordisce, dal cielo pulito scende luce, l'aria, almeno qui in provincia, conserva i suoi profumi. Non si rientra in casa intirizziti. Con la Vespa sono arrivato fino al porto, a vedere i pescherecci addormentati. Ho sempre amato i piccoli porti, coi loro muri di mattoni, i viluppi delle reti corrose, tutta la vita che trasudano, il senso di inquieto che racchiudono, le barche così diverse, come gli uomini, straccione o lussuose, vissute o fatte per non lasciare mai il molo, i loro nomi mistici come preghiere o maledizioni, misteriosi come le donne che lasciano immaginare. Dal porto salivano le onde dell'acqua, delle cose, delle poche figure senza niente da fare, delle barche stesse, immobili e sospese. Mi suonavano in testa le solite vecchie canzoni. Poi, tornando indietro, mi ripetevo che non devo lasciarmi ingannare, perché non siamo neanche a metà dell'inverno.

Commenti

  1. che importa se arriveranno giorni più freddi? almeno questo privilegio di vivere vicino al mare godiamocelo... ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, il mare è sempre bello, una consolazione.

      Elimina

Posta un commento