FINE E INIZIO VITA NON VANNO INSIEME

PRONTO, BUONGIORNO E' LA SVEGLIA

Non facciamo confusione: utero surrogato, bambini figli di due genitori, nessuno dei quali lo ha concepito, sono una cosa - e possono bene, anzi male, appartenere all'ideologia della pretesa, dei desideri che, tra mille ricatti e malizie, diventano diritti; il caso di uno cieco, paralizzato, che non riesce neppure a respirare da solo, condannato a vivere una notte perenne, ad avere bisogno di chiunque, è tutt'altra cosa e ha a che fare con la sua sfera personale e solo con quella. C'è un abisso tra la nascita, che è un fatto che contempla sempre due esseri, chi dà alla luce e chi alla luce è dato, e la morte volontaria, che riguarda solo chi la sceglie, o meglio la accetta, nella sacrosanta constatazione che tutto è inutile e non ha senso protrarre un martirio in tutto sprecato. E, se un Dio c'è, sarà pure fatto di misericordia, e capirà meglio dei sadici devoti l'esasperazione della disperazione. I giornali in queste ore buttano tutto insieme nel mucchio del moralismo, ma se abbia il diritto o il dovere di continuare a respirare uno che ha bisogno di macchine e umani anche per respirare, è questione personale e insofferente di invasioni stataliste o religiose (o di religioni stataliste). Il postal market dei figli, la ridefinizione di paternità senza maternità, l'utero in leasing, sono tutt'altre faccende, che investono una pluralità di soggetti e per questo chiedono limiti, definizioni, confronti etici (e, purtroppo, leggi). Non bariamo, per favore.

Commenti

  1. Ottimo, e lucido.
    Sul fine vita, però, la legge ci vuole. Perché altrimenti chi aiuta a morire Fabo, Welby e chissà quanti altri,è colpevole di omicidio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In precedenti articoli ho precisato che, mentre il pensiero liberale dice che è lecito tutto ciò che non è formalmente vietato, in Italia vige l'opposto: è lecito solo ciò che è formalmente prescritto. Questa è la tragedia nella tragedia.

      Elimina
  2. Anche il fine vita può coinvolgere, nel bene e nel male, più persone. Ci possono essere un coniuge, dei figli, o dei nipoti, che non vorrebbero separarsi prematuramente e "lasciar andare" la persona cara, e d'altra parte ci possono anche essere familiari non molto amorevoli(per non dire peggio)che non vedono l'ora di liberarsi di quello che per loro è diventato solo un peso.
    Son d'accordo che la cosa migliore sarebbe che lo stato si intromettesse il meno possibile in queste faccende, ma se proprio si deve intromettere legalizzando esplicitamente il fine vita, si deve anche tenere conto del fatto che ci saranno sicuramente malati o invalidi(anche meno gravi di Fabo) che desideranno il fine vita in quanto plagiati da un/una coniuge che non vede l'ora di incassare la reversibilità e andarsela a spassare con l'amante, o da figli che considerano i genitori malati solo come una fastidiosa incombenza. Ovviamente malati non amati esistono a prescindere da una legge, ma almeno allo stato attuale non c'è la tentazione di disfarsene "suicidandoli" legalmente!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari