LA RAGGI MERITA LA RAGGI


Si fa strada una impostazione buonista secondo la quale la Raggi merita compassione intanto perché è una donna, poi perché è una sindaca e infine perché le stanno tutti addosso e nessuno merita un trattamento del genere. Scusate, ma la ragione per cui le stanno addosso qual è? Malanimo fine a se stesso o malgoverno non fine a se stesso, ossia inteso a mestare, a promuovere, a strapagare le proprie clientele, a prendere ordini da una opaca società privata, a non svolgere un atto che sia uno contemplato dal mandato istituzionale, a mentire in modo anche risibile, a passare di figuraccia in figuraccia, ad esibire topiche istituzionali clamorose, a sottrarsi ad ogni confronto, a non accettare altra dialettica che quella con "Beppe", cioè obbedienza indiscussa e fanatica, a frignare ogni tanto come una comare, a fuggire dai propri dovere per accudire il pupo? Non basta: i buonisti dell'ultim'ora forse no, ma io me la ricordo la signorina in tutta la sua spocchia al momento della nomina, me le ricordo le sue uscite arroganti, il compatimento per la stampa, che può anche starci ma non esibito in un modo tanto plateale e infantile, il salir su per i tetti con i compari di maneggi, me lo ricordo l'atteggiamento sfottente, neanche tanto vagamente di compatimento, l'aria da prima della classe quando invece non era degna neppure di portare le orecchie dell'asino. Pertanto, arrivo a dire che non solo la Raggi è causa di se stessa, ma che merita in pieno il peso di se stessa, il compatimento che le ritorna contro, la diffidenza più che giustificata da un sindaco eversivo che giura di esser fedele alla cittadinanza e la tradisce con un comico e un figlio di papà "visionario"; anzi, il disprezzo che va suscitando è ancora poco, raffrontato alla pochezza, alla tracotanza e, forse, questo lo vedremo, alla incompatibilità di certi atti, gli unici, oltretutto, adottati in circa sette mesi di sedicente governo. La Raggi deve scomparire inghiottita in un vortice di vergogna, e questo suo cuocersi a fuoco lento, oltre a lasciar sospettare valide ragioni per non far le valigie, è una delizia e un conforto agli occhi di chi ancora difende un'idea di dignità: della politica, dell'aministrazione, della cittadinanza, dell'individuo e della decenza. Non fatemi ridere, cari pietisti di paglia.

Commenti

  1. Speriamo che questo fuoco lento porti alla dissoluzione di questo ectoplasma e alla dispersione delle presunte "penne" libere che li hanno supportati, sponsorizzati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, quanto a questo servirà una Norimberga per i lacché: Travaglio, Scanzi, Gomez, eccetera. Visto che loro stessi hanno sempre giudicato gli altri...

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari