I MIEI PASSI CHE HANNO SCAVATO LA NOTTE


Non importa quanto possano girare i miei pezzi, quanto siano letti, discussi, condivisi: è la soddisfazione di un attimo, mentre il malessere è di una vita. Non ci sarà mai risultato in grado di guarirmi, io lo so, e mentre scorgo il lato patetico di ogni cosa, i giorni sfilano implacabili. Questa sensazione di non vincere mai, io la frequento. Questa condizione di inseguitore, di battuto, di rassegnato, io la abito. Ho imparato a non spiegarla più, l'anima che ho la indosso e basta, e neppure posso fare molto per accomodarla. E' una camicia di forza che sta dentro: raramente la sento confortevole, più spesso è piena di spine che torturano. Come è lontano tutto, mentre ascolto quelle fitte! E non ricordo un'ora in cui la mia condizione, il male che sono, mi abbia lasciato: mai, neppure nei momenti d'incoscienza, d'allegria forzata, di effimero successo, di voglia di reagire. Costantemente io mi sono sentito macigno per me stesso, e i miei passi mai sono suonati lievi. I miei passi che hanno scavato la notte senza una ragione, senza una speranza. Adesso non provo più a correggere il mio male, neppure lo curo, perché ho paura di perdermi; di non riconoscermi, smarrirmi, e sparire. Sono quello che sento e che scrivo, e non c'è altro che io possa fare, non c'è altro che io possa essere. Vorrei una luce, ogni tanto, ma so che sarebbe un inganno: la stanchezza di esistere non dà tregua, ogni consapevolezza la eccita, ogni presa d'atto la rinfocola. Perfino ogni piccolo trionfo consuma, lascia gorghi più fondi. Vivere ammala, uccide; vivere sfinisce, almeno me. Non ti chiedo di capire, non cerco il tuo conforto: è solo che, ogni tanto, la solitudine schiaccia e il tempo è un baratro che non finisce, seppure è finito: non c'è domani, solo un tornare inesorabile a chi sono, alla mia angoscia accettata, quieta al malessere dove mi specchio e, ritrovandomi, sento disperdermi.

Commenti

Post più popolari