PER TE


Per chi digrigna tutti i sogni e intrappolato nella vita non crede più possa cambiare e non imbocca via d'uscita. Per chi rimane senza scampo. Per chi oramai ha esaurito il tempo. Per chi non ha un'altra occasione e mai una volta che ha ragione. Per chi non prova una vendetta e di sconfitte è una vedetta e trova modo di scontare tutti i dispetti di ogni cuore e non ha un Dio sul comodino e non rinasce mai al mattino. Per chi ci perde anche se vince e ormai s'arrende, tace e piange. Per te, deserto nel deserto tra mari di panchine morte nella via crucis di lampioni sotto i tuoi passi senza suoni. Per te che affondi nella nebbia e non c'è rabbia, solo dubbi che non ti lasciano tranquilla, per te che non hai mai una stella per orientarti nella sera, per te, che quando è primavera è come prima, è una bugia, per te che fuggiresti via ma sarai la catena tua. Per te, gabbiano con le ali incatramate di rimpianti, per te, le mani senza guanti e in capo quel vecchio foulard. Per te che scrivi e sei sconvolta e un'altra volta ti alzerai per una guerra senza eroi, per te che non protesti mai. Io sono qui, racconto ancora solitudini, paura e la vergogna di rinunce, cerchi concentrici di guai e lacrimoni sulle guance che forse asciugheranno mai. Per te, che butti via Natali e vivi dentro a funerali d'allegria, della speranza, con la pazienza di una stanza dove rimane tutto uguale e il buio sopra il davanzale. Per te che dentro hai la bontà di una dolce fragilità che ti condanna a perdonare: io non dimentico il tuo amore.

Commenti