San Camillo, l'ignobile scaricabarile di un Paese senza pietà


Commenti

  1. Penso che sia morto peggio di un cane. Avendo avuto cani da una vita, quando stanno per tirare le cuoia si ritirano in qualche angoletto tranquillo e muoiono anche se sono randagi si cercano un nascondiglio dove morire in pace. Questo signore - purtroppo non il solo - e' morto in un girone infernale, circondato da tossici e barboni che vanno a pernottare al pronto soccorso e magari gli infermieri invece di dargli la morfina gli davano acqua distillata, perche' la morfina se la vendono.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari