BURATTINO


Impazza il burattino
Lo spazio d'un mattino
Un attimo divino, poi
Ritorna inanimato
Di polvere perduto
Quelle povere membra
Son tutte attorcigliate
Ormai dimenticato
Dalle luci abbassate
Non salgono più voci
Povero burattino
Dai giorni mai felici
Tu non puoi avere amici
Tu non emetti suoni, i tuoi
Scatti hanno un padrone
La volontà è finzione
Quando riscatterai
Il tuo vivere mai
False storie di guai
Sono eterne, lo sai
Saltando fin che puoi
Anche se non vorrai
Burattino che sei
In catene rimani
Per tutti i tuoi domani
E una lacrima muore
Negli occhi prigionieri
Se il tuo cuore di legno
Non può volare ancora
Ancorato ad un sogno
Che ogni notte ti stanca
Via da teatrini vecchi
Pieni di burattini
Dall'antica paura
Della lama che tronca
Quell'eterna tortura
Essere posseduto
Essere abbandonato
Essere per non essere
Una volta te stesso
Sei contorto sei inerte
Burattino stravolto
Diverti un'altra volta
Una folla di mille
Bambini nella piazza
Ti battono le mani
E ti spezzano il cuore
Crudeli spettatori
D'un distorto destino

Commenti

Post più popolari