SICUREZZA ALL'ITALIANA


Può capitare a Milano che uno rimasto chiuso nel cesso del Duomo sia costretto a dormire tra le guglie fino a mattina; e può capitare a Roma che qualche ragazzotto scali indisturbato il Colosseo per poi mettersi su youtube, nella costernazione dei giornali mondiali che un po' ironizzano e un po' si preoccupano. La giustificazione è servita calda: "Non abbiamo personale adeguato" ha ammesso, o forse rivendicato, il direttore del Duomo e tanta soavità fa il paio con quello che ripete sempre il ministro dell'Interno Alfano, "il rischio zero non esiste". Infatti esiste il rischio mille, diecimila. Duomo e Colosseo sono tra i bersagli espressi dell'Islam violento, anche se al papa cattolico non piace sentirlo definire così, e come tali perfettamente inquadrabili. All'ombra del Battistero fiorentino ho visto ragazzini in mimetica che guardavano le ragazze, le fermavano, come anche quelli alle fermate del metrò di Roma o Milano, le chiamavano "a vedere il mitra che spara a raffica", a una cellula estremista basterebbe assoldare due o tre tipe provocanti per intrufolarsi. "Il rischio zero non esiste" e "non dobbiamo modificare le nostra abitudini". Neanche se scalano il Colosseo? Neanche, tanto a chi tocca tocca. Del resto, non è che altrove le cose vadano meglio, Belgio, Francia e Germania, con tutta la loro spocchia, si sono scoperte colabrodi e ogni giorno puliscono il sangue, il loro sangue, cosa che da noi non è ancora accaduta, ma accadrà: e allora perché preoccuparsi? Per questo è inutile chiedersi cosa si aspetti a trovare il personale adeguato, qui siamo sempre tutti superspecializzati ma non c'è mai personale adeguato e la colpa è sempre ben altra, signora mia. Le immagini del crucco che scala l'Amphiteatrum Flavium più che muovere a polemica muovono leggeramente a terrore e siccome non c'è personale adeguato e i soldatini nerboruti e rasati sbuffano annoiati, salvo quando passa qualche pischella, dentro la mimetica con lo stemma tricolore, si trova l'escamotage di truccare le parole per negare la realtà: ma quale cattivi, quali estremisti, dobbiamo volerci bene e capire le ragioni di chi ci taglia la testa. Se scrivo su Facebook che questo fanatismo non mi lascia tranquillo, mi censura il social e mi scomunica il papa incidentalmente cattolico, uno che un giorno o l'altro vedremo sgonnellare cantando "Allahu Akbar".

Commenti

  1. strano che il papa non faccia la prossima giornata della gioventù in siria on in iraq, con tutta la pace e la fratellanza che c'è lì.
    vit

    RispondiElimina
  2. oggi Papa F. durante il volo di ritorno dalla Polonia ha dichiarato "che siamo noi Europei a spingere tanti giovani senza lavoro verso l'alcool, la droga e.....l'estremismo islamico, l'Isis"...ossia è colpa ns se questi sgozzano, mettono bombe, ammazzano a colpi di armi automatiche o sotto le ruote di un TIR centinaia di persone pacifiche e innocenti, predicano l'odio contro la ns cultura e il ns modo di vivere...perchè non hanno un lavoro ????? sempre colpa ns.....ma è sano di mente 'sto Papa ?

    Davide, Milano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che in Vaticano se lo stiano chiedendo in molti, e si stiano anche rinfacciando la responsabilità di averlo eletto. Per i matti è sanissimo, ma credo stia lavorando attivamente per distruggere il mondo cattolico e spianare la strada all'Islam più feroce. Ha le stesse idee delle brigate rosse e dei loro seguaci, per i quali ogni attentato contro l'Occidente andava bene, a prescindere dalla matrice. Un odio così totale verso il mondo cattolico e occidentale in un pontefice non si era ancora visto.

      Elimina
    2. Ma tanto i bravi cattolici più o meno devoti si sono tutti esaltati a questo delirio. Tutti in orgasmo anti se stessi. A volte penso che i pazzi siamo noi.
      vit

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari