NASCONDINO


Giochi a nascondino e non ci sei
Come estate su una cartolina
Sai che avrò comunque voglia io
D'ascoltare la bugiarda scia
E' di un sogno ciò di cui ho bisogno
Di cercarti l'ombra nello specchio
Un prodigio sa di crudeltà
Se rinnova un cuore acerbo e vecchio
Senza mai il riscatto d'un sollievo
Sera dopo sera cresce l'erba
D'un cammino lastricato a chiodi
E tu chiedi. Al vento, al treno chiedi
Che ti passa a fianco, fra te e il mare
Fa rumore e tu che sei già stanco
Tu lo guardi ed i vagoni perdi
Della gente dentro, dei magoni
Prigionieri su binari amari
Niente t'appartiene, tapparelle
Muri torti, vicoli d'assenze
Un miracolo, ora, adesso, qui
Ma un miracolo c'è, sta nella foglia
Che l'asfalto taglia ma non serve
E se non ti serve mentre affondi
E' l'affronto del tuo nascondino
L'esistenza di chi non esiste
La pazienza di chi ucciso resta
E l'ottuso amore lo rovina

Commenti

Post più popolari