CANCELLIAMO LE OLIMPIADI!


Leggo che in una illuminata scuola di Greve in Chianti hanno abolito la tradizionale partita di calcio tra studenti di fine anno scolastico perché gravemente lesiva delle donne: retrocesse al ruolo di tifose passive, in un inaccettabile spirito politicamente scorretto. La faccenda pare assai seria: è una rivoluzione copernicana che impone tutta una ridefinizione del mondo così come lo abbiamo abitato finora. Perché, anzitutto, limitarsi ad una irrilevante partitella tra scolari? Per il principio della relatività, vanno a questo punto aboliti tornei, campionati, coppe, europei e mondiali, roba pesante, di uno schifoso maschilismo planetario; la Storia s'incaricherà di giudicare regine, first ladies, prime ministre e cancelliere sedute impettite nel palco d'onore della finali; via dai giornali tutte quelle orrende tifose con addosso i colori, e spesso solamente quelli, della squadra; le mogli dei calciatori verranno liberate dal peso del sessismo con una elegante ma sobria tuta da lavoro e spedite nei campi, nelle risaie, nelle officine e nei casi più urgenti direttamente in miniera. Censurata, per il nostro bene, l'insospettabile canzone di Rita Pavone che da 50 anni insuffla pericolosi messaggi subliminali da stadio: "Perché perché una volta non ci porti pure me". Ma poi, perché limitarsi al solo pallone? Forse che il tennis, la pallavolo, il basket, il tiro con l'arco, non sono spettacoli altrettanto "discriminatori e diseducativi che costringono le ragazze ad un intollerabile ruolo da cheerleader"? (come da circolare scolastica). Quindi, per favore: cancelliamo le Olimpiadi, la presidenza della scuola di Greve (in Chianti) lo esige, forte e chiaro. L'unico spettacolo sportivo ammesso, a cominciare dalle feste di fine anno, sarà una gara, ma senza vinti né vincitori, puramente "ludica", di nuoto sincronizzato, con ondini maschi che s'immergono lasciando fuori solo il piedino. Sana, artistica, politicamente corretta, educativa, non discriminatoria. Coraggio: un altro mondo è possibile.

Commenti