SILENZIO


Io sono la ragazza lungo il viale
Con un pacco di fogli tutti uguali
I volantini che urlano a colori
Mille cose che non comprerai
Ma tu non condannarmi al silenzio
Non abbandonarmi nel silenzio
Io sono la ragazza all'altro capo
Con un sacco di nomi tutti uguali
Coi numeri uguali sullo schermo
Quelli senza faccia, senza tempo
Ma non mi giustiziare col silenzio
Non mi scaricare nel silenzio
Io sono la ragazza col grembiule
Che ti porta il piatto ed il bicchiere
Esisto un istante, lo so bene
Ma tu non mi sprezzare nel silenzio
Non mi dimenticare nel silenzio
Sono quella dei mille mestieri
Meno uno soltanto, quello no
Ma tu non mi nutrire di silenzio
Non mi violentare nel silenzio
Anche questa mattina mi sono pettinata
Mi sono truccata con vernice da poco
Ho trovato, miracolo, un sorriso
E un selciato di passi verso il nulla
Ho paura quando riapro la porta
Ho paura quando la richiudo
Ho paura di credere infine
Che non vivo, proprio come mi vogliono
Che sono solo una granita di schegge
Nient'altro che lo specchio del gabbiano
La testa reclinata nella sabbia
Senza più rabbia, figlia del silenzio

Commenti

Posta un commento

Post più popolari