LA METRO


Quando il cielo s'è spostato
Quando il sole s'è stufato
Era qui un attimo fa
Era estate, adesso è già
Un passato mai passato
Una pioggia senza età
Quando è stato che la vita
M'ha tradito e se n'è andata
Dalla metro sono sceso
E non son tornato più
E ora guardo dietro al vetro
Gocce che sanno d'inverno
E le tracce del ritorno
Io le ho perse e poi chissà
Se davvero ho camminato
Se qualcosa c'è d'eterno
Qualche cosa in fondo al libro
Che io stesso ho scritto o fu
Fu soltanto il compromesso
Tra non vivere e morire
Quasi quasi si fa sera
Controvento piove ancora
E lontano, chissà dove
La mia metro passa e va

Commenti

Post più popolari