GIOCARE AGLI INDIANI - Posta e risposta





Sei stato di parola, “Giocare agli Indiani” è meglio di “Ti vivrò accanto”, più maturo, più equilibrato. Questo potrebbe davvero essere il libro definitivo su Zero, ma perché non lo hai proposto a una casa editrice?
Pino, Genova

Perché mi sono stufato di un mondo editoriale che per me è incompatibile: le case piccole sono insussistenti, quelle grosse pretendono cose che io non so dare. Così è tutto più semplice e la prima cosa è l'onestà. Nessun compromesso.


Dopo avere letto le critiche a AMO e altrove, pensavo che avresti agito per partito preso invece il disco ALT è raccontato senza pregiudizi, poi non ho visto recensioni da nessuna parte.
Roberto, Roma

Non voto da una vita, figurati se prendo un partito.


Libro molto completo e molto bello, ti porta proprio dentro i dischi di Renato e alla fine non ti pare possibile che sono passati 50 anni. Ma ho notato che il finale, “Sipario”, riecheggia a nuova canzone “In questo misero show”, l'hai scritto ispirato da quella?
Anna, Roma

L'ho notato anche io, ma, sul mio onore, quel finale è stato scritto molto tempo prima dell'ascolto di quella canzone. Si vede che sul significato generale di Zero, siamo d'accordo Mr. Fiacchini ed io.


All'inizio ho detto a tutti di non comprare assolutamente questo libro per le critiche che hai rivolto a Renato ma poi non ho resistito l'ho letto e lo trovo sorprendente perché ne parli bene soprattutto i primi dischi ma anche nell'ultimo tra le diverse critiche non mancano i pareri positivi.
(non firmata)


Mi piace molto l'idea di intitolare ogni capitolo con un verso di una canzone corrispondente. Anche che le canzoni più importante vengono “trattate a parte” anche se il filo del racconto non si interrompe mai.
Stefania, Milano

Mi era piaciuto Ti vivrò accanto ma questo di più!!!
Matteo, Roma

Molto curato anche graficamente e con l'indice interattivo. Bella copertina, risalta molto su tablet. E si legge d'un fiato. So che i sorcini ti odiano ma se non lo leggono peggio per loro!!
Sandra, Firenze

Commenti

  1. Ti vivrò accanto è stato il miglior libro su Zero che abbia mai letto, non ho capito se questa è una nuova edizione aggiornata o un libro nuovo. Intanto segnalo la livorosa "recensione" di Fegiz su ALT, che secondo me è il miglior disco da una quindicina d'anni a questa parte. Insomma, Renato ritrova un'incazzata ispirazione, e critici tornano ad attaccarlo. Proprio come ai vecchi tempi.
    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, è un libro completamente nuovo e totalmente inedito.

      Elimina
    2. p.s. Proprio sicuro che reagire a una critica, per quanto superficiale, chiamando in causa le legioni sorcine sia di migliore gusto e misura?

      Elimina
  2. Comprerò il libro, anche se mi spiace non trovarlo in libreria.
    Assolutamente, non chiamo in causa nessuno. Però il commento di Fegiz, oltre che superficiale, a me è parso malevolo. Tu più volte Zero l'hai criticato, a volte non sono stato d'accordo neppure io, però non ho mai riscontrato malevolenza. Semmai rabbia, come succede quando ti delude qualcuno che ammiri. Ma a te questo ultimo disco piace ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La risposta sta appunto nel libro...

      Elimina
    2. La risposta sta appunto nel libro...

      Elimina
  3. Ciao massimo ho scaricato da amazon il Kindle quindi comprando l'e-Book posso leggerlo attraverso l'ipad...giusto?
    Scusa ma so ignorante in materia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per leggere un Kindle su ipad forse dovrai utilizzare una app.

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari