ROTTO


Quando ti prende la voglia di non vivere, come un'ombra, come un'onda, voglia di non risorgere, andare via e sparire, e non t'importa di curarti, di saperti, di star bene, di stare in qualsiasi modo, non hai voglia di essere, hai voglia di non essere e non t'importa niente di spiegare, di capire, non ne hai più voglia, non te ne frega niente, neanche della voglia di esistere che eri, vuoi solo tuffarti nell'onda di niente e non tornare più e non preoccuparti di chi resta, di chi non piangerà, nemmeno dei tuoi gatti, ed è l'unico gesto davvero degno che avrai fatto in una vita di miraggi, di giorni che ti hanno stancato, che non hai voluto e non t'importa di salutarli, di nobilitarli, di trovare alibi, non hai più voglia, più speranza e non sarai né il primo, né l'ultimo, né l'unico, solo uno che va via, che si è rotto, che non ha più parole e non ne cerca e non cerca rimpianto, uno infine libero di non essere e nient'altro che questo, più niente, più nessuno, non te ne frega un cazzo.

Commenti

  1. Spesso mi prende la voglia di non vivere, ma ho 6 cani e 4 gatti e senza di me non so che fine farebbero. Una volta morti, i cani, purtroppo e per fortuna, non campano molto, forse logorati dall'amore che ci danno, i gatti - che si fanno i cazzi loro, anche se si aspettano di essere carezzati ed adorati - vivono in media il doppio.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari