Elio, ritratto di un anticonformista fasullo


Commenti

  1. zappa americano , elio italiano.
    no dico,ne hai mai visto uno di artisti musicari italiani, mantenere promesse e coerenza ?

    RispondiElimina
  2. Grazie Max, non se ne può più di queste figurine che si atteggiano a messia dell'arte. E ancor di più non se ne può più degli scemi che danno loro retta.
    vit

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che sorprende, è che soggetti del genere abbiano i fan, gente che dice "mi rende la vita meno dura". Si vede che l'umanità è messa peggio di quanto già non sembri.

      Elimina
  3. Dio! se i musicisti facessero soltanto musica e basta,senza volto ,senza spiegazioni .
    Perche il problema di elio,ma anche di qualcun altro, mi sembra questo.Lui ha sicuramente una mente brillante oltre ad essere un ottimo musicista,come del resto i suoi compagni.
    Ma tutto svacca appena escono di un millimetro dal proprio campo.
    Basterebbe questo PICCOLO accorgimento e molti nostri artisti risulterebbero più accettabili,almeno per una certa parte di pubblico.. Peccato!
    Rimpiango i tempi,da me mai vissuti ,quando un artista si limitava al proprio campo d'azione, un cantante cantava,un autore scriveva e se era tutte e due le cosa , meglio per lui. L'importante è tacere quando la musica è finita.
    Mi sembra però che questa tendennza ,almeno in campo musical pop,circoli da almeno una cinquantina d'anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ragione di più per rimetterli al loro posto. Tra l'altro, quando i musici parlano d'altro, lo fanno sempre da musici (unicissima eccezione il più grande, Lucio Battisti), in modo come minimo approssimativo. A cominciare dai tanto pompati Gaber e De Andrè, che sparavano puttanate militanti in serie dietro la cortina fumogena della "anarchia". Fari per ginnasiali.

      Elimina
  4. Ora, io nel merito sarei anche d'accordo. Mi sconforta però che Massimo "uccida " praticamente tutti : alcuni gli stanno sulle palle da subito, altri dopo un po' di tempo. Gli proporrei un gioco: ci fai un nome di uno ( vivente ) che stimi in ciascuna di queste categorie ?
    - musica
    -giornalismo
    -televisione
    -politica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importante è ucciderli con ragione

      Elimina
    2. Ricordo molto bene una tua rievocazione, fra l'altro molto divertente, di un'intervista a Camilleri e ricordo la stima che manifestavi verso lo scrittore. Domando: sta passando anche lui dalla parte di quelli che ti sono diventati antipatici ?

      Elimina
  5. Lo so sono fuori tema, ma il vecchietto :
    Charlie Byrd Plays Jobim Famous "Corcovado"
    Con le sue manine esangui da vecchio, lo hai mai sentito ?

    RispondiElimina
  6. Uno vivente? Ma siamo sicuri che non sia più vivi i morti ?
    Faccio anch'io un nome,Scott Walker , il terzo e il quarto. 'E ancora vivo ,non rilascia alcuna intervista e fa un disco ogni 10 anni. Perfetto!
    Gli altri campi non m'interessano

    RispondiElimina
  7. Intanto ieri un cantante che di mestiere rende la vita meno dura agli adepti, ha parcheggiato il fuoristrada in divieto di sosta e ha preso la multa. Cosa ha fatto ? Un ricorso ? No, ha chiamato una troupe telvisiva

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, sì, il seguace di san Francesco con l'autosalone personale.

      Elimina
    2. L'episodio che ha visto come protagonista Renato Zero è senz'altro minore ma, non so com'è, mi ha particolarmente irritato. Soprattutto trovo fuori dal mondo le dichiarazioni rese dal cantante: "vittima di una violenza, nella mia Roma, mi tocca pagare millecinquecento euro di tasse perché abito in centro". Ma dico, è impazzito ? Ma se questo ragiona così, che valore possono mai avere le sue canzoni e i suoi testi ?
      Marco

      Elimina
    3. E' un periodo che un po' troppi considerano Roma cosa loro

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari