LA CRISI (c'è ancora)


Ma non è vero che di disperazione non si muore più: non lo si dice più, perché non va disturbato il nuovo manovratore. Però i suicidi per lavoro, meglio per mancanza di lavoro, continuano, crescono, nel 2014 sono saliti ancora. Non fanno notizia, adesso, perché la notizia è una merce. Qui dentro ci sono alcune vicende dimenticate, che io non ho voluto lasciare andare via. E ci sono i numeri, che servono a niente, e ci sono le assenze. Ho tratto un reading da questo lavoro, ma pochissimi mi hanno chiamato a leggerlo: di crisi ci si riempie la bocca, poi però tutti cercano di scantonare, di lasciare perdere. Non io. E sarò dolorosamente felice di tornare a raccontare dei dimenticati, degli sconfitti, degli arresi, dovunque me ne sarà data la possibilità. Questa, è l'unica politica che conosco, che riconosco.



e su tutte le piattaforme digitali

Commenti

Post più popolari