NEL CORTILE


Forse non potranno questi versi
Abbracciare il tempo che contiene
Tracce di memoria che hanno fame
D'una storia. C'è un bagliore, piega 
L'ondulata curva dei misteri
Stretta dentro, turba la mia vita
Al mio sguardo regala una ruga
La fuga è finita, eccoti qui
Dopo il vento, la bambina d'oro
Che baciavo solo col pensiero
Sento il nostro coro a primavera
Che sbocciava amore e non fioriva
Nel cortile, le nostre parole
Per dipingere il futuro di sole
Sai che mi sentivo re del mare
E del cielo e il vento con te accanto
Bimba mia tremenda più del mondo
D'ogni senso, più dello spavento
Che provo se ascolto e mi prometti
“Da qui non mi muovo, ci scommetti?
E saremo sempre noi: perfetti”
Ma la vita è un uovo che si spacca
E ne scappa un fato non deciso
Un vestito che ti resta appeso
E presto sarà inutile scusa
Nel cortile io sono tornato
A cercarci, ma ho trovato il vuoto
Di silenzio, trapassato vetro 
Di nascosta danza dietro al viale
Come allora, sotto il temporale
Dei vergini sensi, noi frementi
Così intensi dentro un giuramento

Commenti

Post più popolari