C'E' UNA NAPOLI


C'è una Napoli che ho nelle vene
Dal pianto di strada di un pallone
Da Caruso fino Carosone
'A Livella, è una voglia di pianto
Ridondante, tanto che in un volo 
Giù dal cielo scende e non si arrende
Sa di sole e di triste allegria
Stramba irresistibile follia
Gente che non c'è tra plebe e santi
Cattedrali di lusso, conventi
E malsane trombe delle scale
Tra ferocia, un refolo gentile
E un calore che neanche in Brasile
Alta sartoria, troppo snobismo
Un'Avemaria poi lo strabismo
Vivi o muori, è dannata poesia
Costa cara, 'sta malinconia
Ondeggia come una gonna gitana
Quest'isola che c'è, pesante incanto
Che ti stritola già dentro un clichè
Dove lieve pioggia è 'na tragedia
Che diventerà festa di strada
Qui tutto già fatto, visto, detto
Niente è più impossibile del vero 
Napoli di vicoli e diluvio
Di morte nel porto e di Vesuvio
Di un amore che si fa delirio
Del sorriso triste di Troisi
Che non l'hai se qui non ci sei nato
Qui dove l'aria ribolle di vita
E pregare è uguale al suo contrario
Suona il cuore di Pino Daniele
Sotto un coro di tribolate stelle 
E tutto è impossibile ma vero

Commenti

Post più popolari