DA MARIA A MARIA


Claudia Koll, Paolo Brosio, Lele Mora, una tronista della De Filippi: tutti in dérapage mistico, tutti mondati dal debosciato mondo dello spettacolo. Lele Mora, che faceva il provider di carne fresca per Berlusconi, travolto da scandali e condanne per bancarotta, ha abbracciato una vita nuova, sostiene, per merito di padre Pio. Basta poco, che ce vo'? Brosio aveva visto la Madonna addirittura nel mezzo di un'orgia, e la Koll probabilmente aveva ricevuto la chiamata sul set di Tinto Brass. I neurobiologi spiegano queste improvvise conversioni con attacchi al sistema limbico, ma loro, novelli redenti, non ci credono e rigirano la frittata spirituale: non ho avuto le apparizioni perché mi ha dato di volta il cervello, mi ha dato di volta il cervello perché ho avuto le apparizioni. D'accordo, ma sorge una lievissima protesta: perché ad essere salvati sono sempre e solo questi peccatori da competizione, questi amici di Maria che poi passano all'altra Maria? Per i poveri Cristi non c'è pietà né apparizione, non c'è salvezza né (ri)conversione. Forse perché i poveracci non diventano testimonial mentre anche i santi di questi tempi viaggiano su Twitter e Youtube, per non parlare della tivù. Viene un po' in mente il crudele oltretomba di Fantozzi che replicava le gerarchie aziendali, al piano di sopra i megapresidenti seduti su nuvole di pelle umana, all'inferno i fantaccini, colpevoli di avere subìto per tutta una vita umiliazioni orrende. Anche la parabola del figliol prodigo, che a me pare onestamente aberrante, del resto lo dice: se te la spassi alla grande e poi, quando non hai più niente da perdere, torni a mendicare asilo, festa grande; ma se hai rigato dritto per tutta una vita, che noia: e non ti spetta niente. Forse i greci la sapevano lunga e avevano capito che sono gli dèi ad aver fatto gli uomini a loro immagine e somiglianza, ma resta un mistero lievemente doloroso: santi e santini appaiono sempre ai laidi, purché morti di fama; per i morti di fame, resta il solito aforisma: se tu parli con Dio sei credente, se Dio parla con te sei malato. 

Commenti

  1. la fede... permettersela è roba da ricchi
    vit

    RispondiElimina
  2. Oppure sei Renatino Zero, e allora Dio non solo ti parla, ma ti chiede anche i bis (vd. TuttoZero '96 e Il principe...)!

    RispondiElimina

Posta un commento