Passa ai contenuti principali

ULTIMA SERA


Volevo andare sono andato a salutare l'inverno, ultima sera nel solito viale di panchine deserte coi treni che passano a fianco, la strada impedita da muri di rami tagliati ma su quelli sani migliaia di gemme, piccoli missili carichi di vita, grammi di esplosioni che verranno tutte insieme e sarà primavera. Volevo salutare l'inverno ma l'aria se n'era già andata. Poi, poi il tepore è crollato e risaliva il gelo che contiene il buio, ascoltavo Brunori le sue malinconie, lui canta spesso la malinconia, come da ragazzo altri dischi mi portavano via dall'inverno ma la musica è cambiata, questa età non guarisce, la primavera non entra più in me. Come un cane cercavo per terra il coraggio di cambiare, quel che serve, quel che va stravolto, per ricominciare, celebrare quest'altra primavera. Ma non si trova quello che non c'è. Avevo fretta di tornare a casa, scrivere tutto, invece l'ho tenuto stretto nella testa. E camminavo. In cielo s'affacciava la prima stella, nel prato milioni di primule; una son io.

Commenti

  1. E io qui tappato in ufficio mentre fuori è un'esplosione di colori. Sarà vero che Milano si è abbrutita, ma io adesso uscirei fuori e l'abbraccerei, poi di corsa andrei sui navigli a girovagare a caso fra vecchie corti e mi fermerei su una panchina a fumare una sigaretta guardando la gente che passa. Ma tutto è al condizionale perchè invece sono qui in ufficio a fissare un monitor muto, ma perchè ognuno di noi deve costruirsi la propria prigione quotidiana? Sarò retorico, sarò ripetitivo, però caro Massimo, ancora grazie di scrivere. Anche oggi grazie a te un piccolo viaggio me lo sono concesso,
    solo con la mente ma vale davvero tanto! torno ai miei piccoli affarucci lavorativi. Un abbraccio.
    Sandro

    RispondiElimina
  2. La mia solitudine è la vostra finestra

    RispondiElimina
  3. Iersi sera mi sono addormentata con questa immagine della primula. Stanotte mi sono sentita anche io così, una stella, un fiore. La tua solitudine è anche un pochino la nostra

    RispondiElimina

Posta un commento