CHIEDI DI LUI


CHIEDI DI LUI
Daniela Tuscano – Cristian Porcino
Daniela Tuscano, sorcina. Di professione sarebbe professoressa, a Milano, ma la missione è sorcina. Violentemente sorcina. Non conosco nessuno più sorcino, e so anche che, arrivata a questo punto, si sarà messa a urlare, in quel modo che i suoi studenti conoscono bene. Allo stesso tempo, Tuscano è un'antisorcina, distinguendosi consapevolmente per l'alta cultura e il senso critico. Con queste credenziali, Daniela ha cofirmato un libro, naturalmente su Renato Zero. Rectius, su di lei che parla di Renato Zero. Approccio in potenza indisponente, ma aspettate, prima leggete il libro: così capirete come ha fatto questo cantante che non è mai stato solo un cantante, ma un altro pianeta, a entrare nel dna di così tanta gente. Perché non era possibile altrimenti, o lo snobbavi o te ne innamoravi. La memoria di Daniela, costellata di aneddoti rigorosamente sorcini, strappa alla polvere l'affresco di una generazione: quella nostra, che tra vapori di piombo assisteva all'imporsi di uno capace di rendere tutto interessante, intrigante, persino la noia; e il suo coraggio, non consisteva tanto nel girare a culo scoperto, ma nel rischiare ogni volta artisticamente, con un altro salto nel buio. Nell'orbita di Zero, scorrono anni eccitanti, dolenti, perduti, imperdibili. Indispensabili. Daniela li racconta raccontandosi, e altro modo non c'era. Fogli di calendario che ancora volano dentro noi, con quell'accompagnamento che da musicale si fa vitale, bizzarro ma assai più denso di quanto certa critica spocchiosa avrebbe preteso; si può ben dire che, a lungo, Renato Zero puntellò i giorni traballanti di tanti, e a sua volta venne difeso da nessun altro se non un pubblico sempre più vasto, deciso e geneticamente modificato da lui. Credeteci, che è difficile rievocare tutto questo casino: Daniela ci è riuscita, e il suo libro è la colonna sonora di una colonna sonora. La seconda parte spetta a Cristian Porcino, che continua l'approccio personalistico ma alle prese con una stagione matura più ricca di superlativi che di magia.

Per ricevere il libro, rivolgersi direttamente agli autori, contattabili via Facebook. 

Commenti

  1. In effetti, le cose più profonde su Zero le ho lette scritte da te e Tuscano .Ricordo che lei fece una ( quasi ) recensione- ottima- al tuo secondo libro. Cosa pensi tu di Zero attualmente ( o, meglio, dello Zero attuale, dello Zero di Amo), è ampiamente documentato anche in questo blog. Sai cosa ne pensa Tuscano ?

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari