AH, PERO'!


Passare “dall'osanna al crucifige” è un modo di dire che non tiene conto dell'evoluzione italiana. Un modo di dire per dire altri modi di dire, dalle stelle alle stalle, dalla gloria alla polvere, la solita faccenda cattolica, livorosa, del ti sta bene, dell'hai visto a tirar troppo la corda, del c'è un Dio (che starebbe sempre lì ad applicare le tue vendette personali, in forma di giustizia divina). La storiella di quello che prima è conteso, adulato, famoso e poi, di colpo, un bel giorno, per ybris, perché il destino ha giocato sporco, perché lui ha giocato sporco, perché se lo meritava, perché appunto c'è un Dio, finisce male: e così di norma finiva la storia, con un punto irreversibile e una morale di marmo. De profundis per l'osanna e il crucifige. Oggi gli ex potenti finiti male, finiscono in televisione, dove tornano potenti (e anche migliorati nell'aspetto, si pensi a zio Miché passato da ominide presociale a intellettuale dagli occhialetti gramsciani dopo avere rivendicato l'omicidio di sua nipote bambina, stuprata ancora calda).
E nessuno li crocifigge, anzi danno lezioni su quello che hanno fatto, rubare a man salva, uccidere, mentire. Non ha senso prendersela con chi li invita, li invitano tutti da destra a sinistra e li invitano non per compassione ma perché sanno bene che piacciono ancora, interessano, fanno audience, come si dice: magari mostri, ma di quelli che tirano al botteghino. Difatti inesorabilmente fanno ascolto, la gente li guarda e pensa: ah però. Che tradotto vuol dire: ma allora a rubare, ad ammazzare non si rischia granché, un breve soggiorno in galera e poi alè, in televisione senza passare dal via: e si ricomincia. L'inganno, la trappola stanno in questo, che i grandi ladri, i farabutti e gli assassini di norma fanno parte della politica o ce l'hanno comunque alle spalle. Quindi, prima di avventurarsi in comportamenti emulativi, peraltro ampiamente diffusi, servirebbe trovarsi uno straccio di sponsor; ma siccome oramai in questo porco paese uno straccio di sponsor ce l'hanno o se lo inventano tutti, la faccenda funziona benone: e nessuno “crucifige” più nessuno, sapendo bene tutti come va a finire: dall'osanna al l'han beccato al rieccolo qua: applausi. Ieri, per dire, è toccato a Batman Fiorito, ospite d'onore da Santoro (e non mi stupisco). Domani ai prossimi scarcerati o scarcerandi per interposto litigio dei giudici: Brega-Massone (il chirurgo Frankenstein della Santa Rita), quindi Fabrizio Corona, mentre il comandante Schettino fuori c'è già e viaggia allegro in motoretta con un'amica inviata di Bruno Vespa. Tallonato da alcuni rientri importanti: Pietro Maso col libro da promuovere, Alberto Stasi, assolto pure dalla pedopornografia anche se nel computer teneva foto orride con bambini. Forse i giudici non hanno bene chiara la differenza tra navigare e scaricare, forse non sanno che ormai emule è un mezzo decrepito. O forse basta essere famigerati, pur che famosi, per passare dall'osanna all'osanna. 

Commenti

  1. Pensa un po' che stamattina tornato dal lavoro ho acceso la tv su la7 e stavano proprio mandando lo spezzone di un Fiorito in fase di restyling e non ci ho capito nulla. Ho spento la televisione perchè il cibo mi stava andando di traverso. Non ho mai sopportato Santoro ma adesso fra lui e Barbara D'Urso non riesco a trovare significative differenze.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La differenza è che Barbara D'Urso deve ancora andare al Parlamento Europeo, semplicemente.

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari