Passa ai contenuti principali

VERDE


Ma io non voglio andare nei templi del sale, io voglio mettermi sotto una pianta e assaporare la cascata di verde. Da un anno aspettavo la fioritura e adesso è tutto un tetto di foglie e scende freschezza, io sto sotto, il sole s'immagina oltre la barriera che respira e mi sento albero io stesso e mi sento foglia io stesso. La meraviglia di questo perdersi, non si può raccontare. Da un anno l'aspettavo questo spettacolo del viale tanto verde da sembrare acceso, illuminato, scintillante: sono infinite le sfumature del verde, sono tante quante sono le foglie, ciascuna con la sua personalità, ciascuna la sua forma, il suo linguaggio, il suo mondo. Finalmente è primavera davvero: per un mese sarà il tempo più bello, quando la sera è indulgente, il tramonto si distende, il pomeriggio indugia e dalle edicole si spande profumo di carta che si mesce a quello della luce, dell'aria comprensiva, della sera complice. A perdita d'occhio la trama delle foglie nel cielo, l'infinito tunnel di foglie sopra di me, gli innumerevoli chiaroscuri che le foglie disegnano. Giochi d'ombra dipinti dalla luce. A perdita d'occhio, la primavera in me. Che mi fa rinascere quando mi sentivo morire. Che mi fa sorridere quando preferirei morire. Che mi fa sperare quando la disperazione mi ghermisce. Che mi fa arrendere al nulla che sono, pulviscolo di vita, refolo di energia che cerca un'energia più grande, più forte, più immensa. Non mi stanco di questo verde che mi piove addosso, che m'impregna di sé, mi fa sentire buono, mi fa sentire giusto, mi consegna amore da liberare. Tutto ciò che non conta è lontano adesso. Io mi perdo in questo cielo verde, riparo in questo indicibile porto verde ed ogni cosa mi pare bella ed ogni mio dolore mi sembra sconfitto e trasformato. Non esiste più il tempo, non c'è stanchezza, la paura è scomparsa. Sono tutto in questo momento d'estasi, sono la gioia che non ho mai saputo essere. Sono la vita e la primavera e il sole, sono la carezza che inseguivo, sono l'universo nascosto in una lacrima. Finalmente io sono una foglia.

Commenti

  1. .. la leggera meraviglia di capire che bisogna diventare parte dell'onda, non si può rimanere scoglio..

    Laura

    RispondiElimina
  2. E' da un po' che volevo dirti che il tuo modo di scrivere è tanto meravigliosamente cambiato in tutto questo tempo. E' diventato nitido, diretto, pulito. Non ci sono più i labirinti, se pur belli nella loro tortuosità, ma così pieni di ombre. Ogni frase una freccia. Una di seguito all'altra a riempire il foglio come uno stormo d'uccelli ordinato riempie il cielo. Scrivi Massimo, scrivi, è la tua arte e la stai affinando sempre più e c'è sempre più luce.

    Laura

    RispondiElimina
  3. Ci provo. Finché si può. Grazie.

    RispondiElimina

Posta un commento